Moxibustione

 

La moxibustione nasce nelle regioni fredde della Cina in tempi molto lontani, probabilmente prima della nascita dell’agopuntura (2000 a.C.).

E’ una modalità terapeutica molto potente che si avvale della combustione della lana di moxa. Questo preparato viene prodotto con la lavorazione e l’essiccazione dell’artemisia, pianta scelta dagli antichi cinesi per le importani proprietà curative.

 

Il calore della moxa si utilizza su delle zone del corpo o sugli specifici punti di agopuntura per ottenere l’effetto o il miglioramento concordato con il paziente. Il calore sprigionato mobilizza l’energia e tonifica il corpo nelle sue funzioni deficitarie.

Gli strumenti più utilizzati sono la moxa in sigari, la scatola di legno e i coni (mini moxa).

E’ particolarmente indicata nel trattamento di alcune patologie e disturbi e si utilizza molto nella stagione invernale.

Per maggiori approfondimenti vedi l’articolo.